Segui il mio canale Telegram e unisciti alla Comunità.

Cesare Sacchetti

Pazienti Covid uccisi dai farmaci letali in Scozia: è questa la verità taciuta sulla strage di Bergamo?

o

20/12/2023

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

di Cesare Sacchetti

La verità sulla strage di Bergamo è un impegno civile e morale che dovrebbe assumersi ogni italiano che abbia a cuore questo Paese ed ogni serio giornalista che voglia far venire alla luce quanto accaduto in quegli orrendi giorni del marzo 2020.

Le immagini di quanto accadde in Italia e nel bergamasco in quei drammatici momenti sono probabilmente ancora presenti negli occhi di tutti noi.

Ovunque in ogni parte del mondo si vedeva questa macabra sfilata di camion militari con bare nelle quali c’erano persone morte con il cosiddetto coronavirus.

Noi in quegli attimi ci rendemmo conto, assieme purtroppo a pochi altri in quel frangente, che c’era effettivamente qualcosa che non andava.

Si era messa chiaramente in moto una potente macchina mediatica che non aveva altro scopo che quello di terrorizzare l’Italia e il mondo intero.

Si voleva a tutti i costi diffondere l’idea che era apparso dal nulla un misterioso agente patogeno che uccideva chiunque fosse “contagiato”.

La menzogna era chiaramente alla base di questa complessa operazione terroristica sin dal principio. Lo era sin da quando i media iniziarono a scrivere che il primo morto con Covid, Adriano Trevisan, era effettivamente morto per il “virus di Wuhan”.

Non era vero nulla, e non si attese nemmeno il referto dell’autopsia su Trevisan per stabilire con certezza cosa era effettivamente accaduto al 76enne veneto.

Quando arrivò l’autopsia, la bugia era stata però già scritta da ogni media e non era stata smentita da questi con la stessa intensità e clamore con la quale invece fu raccontata a febbraio del 2020.

Adriano Trevisan non è morto per il Covid ma per altre cause legate ai suoi precedenti problemi di salute.

I media avevano il solo compito di mentire e terrorizzare, in una strategia che ricorda molto quella praticata dalla famigerata amministrazione Bush ai tempi della guerra in Iraq chiamata “shock and awe”, ovvero colpisci e terrorizza.

Il governo Conte attraverso la sua politica di autorizzare quella macabra sfilata di camion a Bergamo voleva appunto colpire il pubblico italiano, e i media che piuttosto che denunciare la gravità assoluta di quanto stava accadendo nel bergamasco, facevano del tutto invece per terrorizzare gli italiani e convincerli che quel virus uccideva con facilità estrema.

Nulla era vero, e sin dal primo momento ci chiedemmo cosa stesse accadendo veramente a Bergamo e che cosa provocò veramente quella strage che nulla ha a che vedere con le dinamiche di una pandemia che non c’è mai realmente stata nell’infausto periodo storico che va dal 2020 al 2022.

A distanza di non molto tempo, emerge ancora più chiaramente una lampante verità. Si presero i semplici casi di influenza stagionale e li si descrissero come delle pesti bubboniche così contagiose e letali da richiedere delle chiusure di massa.

Tutti i casi di influenza sono magicamente “spariti” nel 2020

Anche qui, la logica sanitaria non c’entra nulla con quella degli arresti domiciliari poiché anche se si crede che ci sia qualche virus pericoloso là fuori, la soluzione non è certo quella di rinchiudere le persone in casa ma di lasciare che esse circolino così che si maturi la immunità di gregge.

I nostri corpi sono pensati per proteggerci attraverso i nostri sistemi immunitari ma coloro che erano al potere in quella fase storica e un’orda di sedicenti medici corrotti – che in alcuni casi ha fatto persino fatica a superare l’esame di Stato per diventare dottore – diffondeva a tutta forza la falsa idea che occorreva non andare in giro poiché si moriva.

Era vero che si moriva in degli ospedali in Lombardia, non di Covid ma di altre cause sulla quali la magistratura non sta ovviamente facendo nulla per fare luce come suo solito.

La denuncia dell’infermiera scozzese: pazienti Covid uccisi dai farmaci

Un lampo di verità sulla strage di Bergamo potrebbe venire da quanto emerso recentemente in Scozia.

La storia sembra essere la fotocopia di quella di Bergamo solamente scritta ancora in termini più espliciti.

C’è un’infermiera in Scozia, Lesley Roberts, che sta provando a far emergere la verità su quanto accaduto nel Paese ai tempi della operazione terroristica del coronavirus.

L’infermiera scozzese ha appena subito un ordine restrittivo dalla commissione di inchiesta sul Covid che le vieta di rivelare le informazioni in suo possesso sui protocolli sanitari eseguiti sui pazienti con coronavirus.

Ciò non sembra aver fermato la coraggiosa donna che sembra intenzionata a far emergere tutta la verità su quello che accadde in quel periodo tanto da spingerla ad accusare di strage il primo ministro scozzese, Nicholas Sturgeon.

All’epoca, in Scozia, la NICE, acronimo che identifica l’istituto nazionale per la salute e l’eccellenza sanitaria, aveva diramato un protocollo sanitario molto specifico per i malati Covid definito dalla sigla NG163.

Questo codice non nascondeva altro che una procedura che si applica ai malati terminali affetti da patologie incurabili che giungono al loro ultimo stadio e lasciano purtroppo ben poche aspettative di vita ai pazienti.

NG163 prevede che il paziente riceva un cocktail di farmaci che dovrebbe essere appunto somministrato solamente nei casi più estremi citati sopra. L’istituto sanitario scozzese invece decise che questa procedura doveva essere applicata anche per i pazienti Covid che in larghissima parte dei casi non erano affatto all’ultimo stadio ma presentavano invece i sintomi della comune influenza.

Quando quindi questi farmaci vengono somministrati a persone che non hanno nulla di particolarmente grave non può non essere evidente che c’è una volontà omicida in una decisione simile.

E’ esattamente quanto sta provando a denunciare Lesley Roberts che si è espressa così al riguardo.

“Non avrebbe (la procedura NG163 ndr) mai dovuto essere presa in considerazione. Le persone che non erano prossime alla fine della loro vita sono state condotte alla morte a causa di queste droghe. Se avevano delle difficoltà respiratorie, allora la loro respirazione è stata soppressa ancora di più dalle droghe ed è questo ciò che le ha uccise, non il Covid.”

Appare impossibile che ciò che sapeva e sa la Robert non fosse a sua volta conosciuto dai medici scozzesi che eseguivano questi protocolli legali e appare altrettanto impossibile che non ne fossero a conoscenza gli organismi che stabilivano tali direttive omicide.

Ciò dunque ci porta fuori dal piano sanitario che nella storia del COVID è pressoché assente e ci porta inevitabilmente su quello politico.

Una volta appurato che il Covid è stato un nome scelto per definire la comune influenza stagionale e una volta appurato che esso non è mai stato realmente pericoloso, appare evidente che se si decide di somministrare questi farmaci ai pazienti è per ucciderli.

Se poi una volta che si pratica questa strage di massa, si dichiara, falsamente, che questi pazienti sono morti per il Covid si sta chiaramente mentendo per sostenere una falsa narrazione pandemica che aveva scopi puramente politici come, a noi ed altri, è apparso chiaro sin dal primo istante.

Quando ci si sofferma a leggere le pagine del documento del 2010 pubblicato dalla fondazione Rockefeller e intitolato “Operazione Lockstep”, dove lockstep è il termine utilizzato in inglese per descrivere qualcosa che avviene a ritmi serrati, è evidente che si comprende subito come il fine ultimo della “pandemia” descritta in questo documento fosse quello di dare vita ad un sistema politico autoritario globale, il cosiddetto Nuovo Ordine Mondiale citato infinite volte dai vari esponenti del globalismo.

Le stragi che sono state causate nei vari Paesi e sono state attribuite falsamente al Covid avevano dunque una natura politica e non sanitaria poiché se si decide di dare dei farmaci letali a dei pazienti relativamente sani o con diverse patologie curabili non c’è evidentemente altro scopo che quello di ucciderli.

Quanto accaduto in Scozia potrebbe essere la chiave per comprendere quanto accaduto a Bergamo.

Sappiamo che la magistratura ha condotto un’inchiesta per quelle morti ma quella inchiesta era fondata su false premesse sin dal principio e il suo scopo non era quello di cercare la verità, ma di evitarla ad ogni costo.

L’inchiesta della procura di Bergamo partiva dal falso presupposto che l’ex premier Giuseppe Conte e il suo ministro della Salute, Roberto Speranza, potevano aver causato la strage per non aver adottato tempestivamente le famigerate zone rosse, ovvero le chiusure di massa, nel bergamasco.

L’inchiesta si fonda esattamente sulla bugia sulla quale è stata concepita l’intera operazione terroristica del coronavirus, cioè quella del “virus letale” in circolazione e dei confinamenti necessari per evitare il “contagio”.

Appurato come si diceva sopra che nel 2020 non c’era altro in circolazione che la comune influenza stagionale, una vera inchiesta avrebbe dovuto stabilire di cosa sono realmente morte le persone a Bergamo.

Ci sono testimonianze di parenti sulle reti sociali completamente insabbiate dai media e che denunciano che qualcosa di estremamente anomalo è stato fatto negli ospedali dove erano ricoverati i loro cari.

Dalla sera alla mattina, morivano persone che non erano affatto in condizioni critiche. La verità è tutta dentro i corpi delle vittime, e la circolare del governo Conte che “suggeriva” di distruggere quei corpi è quantomeno sospetta, per utilizzare un eufemismo, perché anche se si crede alla falsa narrazione della morte da Covid, quei corpi non andavano bruciati ma analizzati attentamente per comprendere le cause dei decessi.

Invece da palazzo Chigi e dal ministero della Salute vengono diramate direttive dove si “raccomanda” di far sparire quei corpi, e questo avrebbe dovuto sollevare delle serie domande in qualsiasi magistrato serio e coscienzioso.

Sono caratteristiche rare nella magistratura italiana poiché la Costituzione del 48 scritta da diversi massoni quali Piero Calamandrei ha concepito un corpo giudiziario correntizio dominato da logiche appunto di natura massonica e fuori da qualsiasi vero ed effettivo controllo dello Stato, a sua volta ridotto ad entità astratta dal sistema liberal-democratico partorito dalle potenze anglo-americane che hanno dominato l’Italia e l’Europa dopo la fine della seconda guerra mondiale.

La verità sulla strage di Bergamo a noi appare imprescindibile come si diceva al principio di questo articolo e crediamo che sia dovere di tutti chiedere cosa è accaduto veramente nel mese di marzo nella cittadina bergamasca.

E crediamo, al tempo stesso, che i veri responsabili di quella strage non possano non pagare.

L’Italia e gli italiani per potersi lasciare alla spalle la nefasta fase storica degli ultimi anni e per voltare definitivamente pagina hanno bisogno di sapere quali menti criminali hanno governato questo Paese e come queste menti hanno ucciso deliberatamente di uccidere persone innocenti pur di giungere ai loro scopi.

Questo blog si sostiene con il contributo dei lettori. Se vuoi aiutare anche tu la libera informazione, clicca qui sotto.

 

Lacrunadellago.net_Correlati
Lacrunadellago.net_Sticky Mobile

23 Commenti

  1. Simonetta GIANNI

    Se è in possesso di notizie così clamorose però questa infermiera scozzase dovrebbe dirci quali sono questi farmaci letali che sarebbero stati somministrati. Personalmente penso che il maggior numero di morti sia stato fatto da tachipirina e vigile attesa

    Rispondi
  2. Aldo

    Grazie per il post che va a collegare i fattacci di Bergamo suscitando sdegno nella “magistraturah”.
    Mi chiederò sempre se si arriverà all’ onesta verità di quanto accaduto e ad una vera sentenza.
    Mi affido intanto a quella divina.

    Rispondi
  3. GABRIELE

    complimenti sempre per l’articolo, la verità si legge solo qui……anche se io credo sempre che la vedo molto difficile che possa cambiare in positivo, fino adesso ho sentito continuamente (da anni) dire che il sistema sta crollando, sta crollando, verrà fuori tutto eccetera…..a volte mi sembra un illusione.
    Saluti e Buone feste di Natale

    Rispondi
  4. Isabel.

    Il tuo articolo è eccellente. Ti seguo sempre con rispetto e ammirazione per incoraggiarti a dissentire dal pensiero unico, globalista e genocida che vogliono inocularci. La stessa cosa è accaduta in Argentina dove si è instaurato un TERRORISMO SANITARIO SENZA PRECEDENTI attraverso la televisione e la stampa bastarda, è stato avvertito da MEDICI PER LA VERITÀ e anche da CITTADINI SVEGLI. Alle ambulanze è stato ordinato di suonare le sirene per terrorizzare la gente e gli stessi infermieri e medici di turno confessano che i primi pazienti erano solo persone affette da raffreddore o polmonite stagionale, che hanno ribattezzato come “falso covid” per prepararsi all’INGANNO PIÙ RIPROVEVOLE e VERGONOSO DEL 21° SECOLO: UNA PANDEMIA SIMULATA, che aprirebbe le porte alla morte di tanti anziani intubati INUTILMENTE per completare il VILE E OSCENO GENOCIDIO. Inoltre, quella era la scena numero 1 per poter vendere pseudo vaccini con i quali hanno continuato a sopprimere migliaia e migliaia di persone che avrebbero potuto guarire a casa con trattamenti tradizionali e persino assorbendo l’IVERMECTINA. Nella mia provincia, Mendoza, c’erano e ci sono dei coraggiosi cardiologi, pneumonologi, oncologi e urologi che hanno sconsigliato la pseudo-vaccinazione sperimentale per i loro pazienti. Un caro saluto.

    Rispondi
    • La Cruna dell'Ago

      Grazie mille, cara Isabel. Sí, in tutto il mondo è stata seguita la stessa procedura. Sono state uccise deliberatamente le persone.

      Rispondi
      • MB

        Andrebbe spesa una parola a riguardo del caso Montichiari. Ognuno è libero di farsi una propria opinione.

        Rispondi
    • renzoslabar

      Isabel da Mendoza.
      Fra le varie province argentine ci sono stato a febbraio 1978.
      Bella città stile tedesco.
      Io penso sempre male e mi chiedo se ci furono pagamenti sottobanco ai medici per produrre tanti morti.
      .

      Rispondi
  5. imperscrutabile nell'essenza dell'ESSERE

    Jean-François Delfraissy, ex presidente francese del Comitato Scientifico Covid, ha dichiarato in un’intervista che per quanto riguarda i medici abbiamo visto alcune cose che sono andate male, abbiamo visto persone che non avevano alcuna esperienza fingendosi luminari sul set e potevano avere conflitti di interesse, e naturalmente li avevano. In Italia non è stata fatta un analisi approfondita, sicuramente, scavando si potranno capire molte cose. Non troppe se no ti uccidono!! Come è successo a Medici che avevano trovato rimedio, come Di Donno…. e molti altri in giro per il mondo… Si è colpito Bergamo per mettere in ginocchio il popolo italiano…si sa pauroso e pecorone… ora sa di essere stato preso in giro , e fatto parte di progetto Cavia mondiale….
    Noi abbiamo un illustre Prof. Josef Tritto Scienziato e Presidente di laboratori internazionali

    https://www.oval.media/it/93c4e35c-6c2c-4c3a-9979-734b12750fd5/

    sono quattro filmati da sentire non durano molto ma VERI… !!! Dice origine covid, dice come si cura e molto altro, come si poteva fare e perchè i governi non hanno fatto

    Rispondi
    • La Cruna dell'Ago

      Tritto parla di virus in laboratorio e fa passare il messaggio che sia anche pericoloso quando le evidenze a disposizione non confermano nè la prima nè la seconda ipotesi. Ad oggi, siamo ancora in attesa che il virus venga isolato secondo i postulati di Koch.

      Rispondi
    • Isabel.

      Ascoltando con grande interesse. Grazie per la condivisione.

      Rispondi
      • imperscrutabile nell'essenza dell'ESSERE

        Vai su mediatica in quel sito clicca Narrative e trovi altro!!!
        Il giornalista che intervista è bravo come il Nostro Cesare Sacchetti!!
        Non si fanno intimidire!!! Quindi è opportuno fare squadra!!!!

        Rispondi
  6. Fabio

    Grazie mille Cesare ottimo preciso e dettagliato articolo come sempre salvo tutto per futura memoria

    Rispondi
  7. Jacopo de Giorgi

    Non credo sia corretto parlare di “immunita’ di gregge” per cio’ che riguarda il Covid 19 trattandosi comunque (se ci fu) di un virus influenzale. L’immunita’ di gregge infatti non credo sia applicabile a nessun tipo di influenza perche’ i coronavirus che la provocano non si sconfiggono, non scompaiono con l’immunita’ di gregge ma si ripresentano regolarmente ogni anno in forme diverse colpendo sempre e comunque una gran fetta della popolazione.

    Rispondi
    • La Cruna dell'Ago

      Se si ripresentano in forme diverse, Jacopo, sono mutazioni. Larga parte della popolazione, non stando rinchiusa in casa, generalmente sviluppa l’immunità di gregge per quella forma influenzale, chiamata in questo caso “Covid 19”. Nessuno comunque ha parlato di sconfitta dell’influenza. C’è dall’inizio dei tempi e ci sarà fino alla fine.

      Rispondi
  8. SARA

    Grazie per quest’altro splendido articolo!

    Sono dei pagliacci, questo è quanto. Potrebbe fare un articolo sulla storia dei pagliacci, per un evoluzione che arriva fino ai politici di oggi.

    Rispondi
  9. Armando

    La verità in quanto tale non appartiene al caos attuale e quella sul COVID non fa eccezione. Arriverà dopo l’ Evento insieme al resto che non sarà da meno. Saluti e buon anno!

    Rispondi

Rispondi

Altro in notizie …

 

ISCRIVITI A LA CRUNA DELL' AGO 🔔

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Lacrunadellago.net_Correlati
Lacrunadellago.net_Sticky Mobile